Didacus Chardonnay - Planeta - 2014

Annata: 2014

Disponibilità: Disponibile

66,00 €

Cantina: Planeta

Capacità: 0.750 lt

regione: Sicilia

vitigno: chardonnay

Cod. Vino: 592cfc41bb


Qtà:

Dettagli

Didacus, il super Chardonnay per Diego

Lo chiamavano Didacus.

Era un monello, quinto di sette figli. Diventava Dieguzzo quando, bambino buono, inteneriva i genitori. Tornava Didacus se li faceva arrabbiare. Sentendosi in colpa, pensava gli urlassero Luciferus. Settant’anni dopo, diventato il patriarca del vino siciliano, Diego Planeta osserva quel nomignolo su un’etichetta nera.

Diego Planeta

Figli e nipoti gli hanno dedicato un super Chardonnay. Diego Planeta è nato 76 anni fa in Sicilia .

Didacus, il nuovo vino

“La viticoltura siciliana – racconta Diego in una lettera che accompagna ognuna delle 6969 bottiglie di Didacus – aveva le scarpe strette, era indispensabile una spinta all’innovazione”. L’era Planeta a Settesoli, diventata una delle coop del vino più importanti d’Europa, è durata 40 anni. Intanto Diego trasforma anche la sua azienda. “Gli agrumi si vendevano a prezzi così bassi che conveniva lasciarli lì – ricorda Francesca Planeta, la figlia – li abbiamo sostituiti con vigneti”. Nell’85 vengono piantati i primi 4 ettari di Chardonnay a Menfi. “Si torna ai tempi degli Orleans – pensa Diego – con le varietà d’oltralpe coltivate nelle loro terre isolane che allietavano i banchetti delle corti europee”. Quattro anni dopo arriva dall’Australia l’enologo Carlo Corino, “mago piemontese dello Chardonnay dei climi temperati”.

Nel 1994 il debutto: “a una degustazione di Chardonnay italiani, con le etichette nascoste, il nostro batte tutti”, si entusiasma ancora Francesca. “Un giorno mi portò con mio cugino Alessio su una collina e ci disse che tutti quei vigneti sarebbero stati nostri. È così è stato”. Dopo l’intuizione sui vitigni internazionali, Diego decide di investire a Vittoria sul Cerasuolo, a Noto sul Nero d’Avola, sul Carricante lungo i pendii dell’Etna.

Le tenute sono diventate sei: 400 ettari, 2,3 milioni di bottiglie, un uliveto e una foresteria. Diego continua a sovrintendere ma ha passato la mano ai più giovani: Francesca, Alessio, Santi, Chiara e Marcello Arici (Giovanni segue il vivaio, grande azienda di piantine per ortaggi). Sono loro ad aver pensato allo Chardonnay Didacus, a 30 anni dal primo prodotto dai Planeta.

Un omaggio al patriarca e al vitigno che è stato fin dall’inizio l’icona della famiglia. Le uve sono selezionate nel vigneto storico. Prima di Natale le bottiglie saranno sul mercato. La vendemmia è quella del 2014.

In una scheda dettagliata come un report scientifico, ci sono tutte le informazioni immaginabili: dal numero delle piante per ettaro (3.787), alla resa per pianta (1,150 kg) fino alla provenienza del legno delle barriques Remond usate per 10 mesi (foreste Nevers, Vosge e Allier).

Un vino dorato, che profuma di pesche e miele, con un corredo di potenza ed equilibrio in più del fratello del 1994. Dentro Didacus c’è Diego, una quercia. “Con il coraggio e la pulizia di buttare a terra le vecchie foglie”, come scrive Brancati, e di affidarsi alle nuove generazioni, un albero che “dopo aver prodotto le foglie che han fatto ombra ai nostri amori dell’anno scorso, si prepara a produrre foglie che faranno ombra ad amori di altri”.